Collocamento disabili e categorie protette

pubblicato 2017/05/09 12:25:20 GMT+1,

A chi è rivolto il servizio/soggetti interessati

 

- invalidi civili con percentuale di invalidità dal 46 al 100%, gli invalidi del lavoro con percentuale di invalidità superiore al 33%, gli invalidi per servizio (ex dipendenti pubblici , compresi i militari), gli invalidi di guerra e civili di guerra  con minorazioni dalla prima all’ottava categoria, i non vedenti e i sordomuti.

 

- categorie protette: profughi italiani, orfani e vedove/i di deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio ed equiparati (sono equiparati alle vedove/i e agli orfani i coniugi e i figli di grandi invalidi del lavoro dichiarati incollocabili, dei grandi invalidi per servizio o di guerra con pensione di prima categoria) e le vittime del dovere e del terrorismo e della criminalità organizzata previste dalla legge n 407/98, devono essere in età lavorativa ed essere in stato di inoccupazione/disoccupazione (salvo le vittime del dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata che possono essere occupate al momento dell’iscrizione).

 

- Aziende obbligate all’assunzione di disabili/categorie protette e Pubbliche Amministrazioni obbligate ad assumere lavoratori disabili/categorie protette con procedure diverse da quelle concorsuali.

 

Descrizione
Il servizio si occupa dell’iscrizione dei disabili certificati e delle categorie protette negli elenchi previsti dalla legge n. 68/99 e  attiva tutte le misure previste per favorirne l’inserimento lavorativo e consentire ai datori di lavoro di assolvere agli obblighi di assunzione previsti dalla legge n. 68/99. 

 

I disabili e le categorie protette inseriti in elenco usufruiscono di una riserva di posti in aziende private e in enti pubblici. L’entità della riserva è rapportata al numero di dipendenti del datore di lavoro.

Il Centro per l’Impiego riceve le richieste di personale disabile delle aziende e le pubblica sul Portale del Lavoro della Città Metropolitana di Reggio Calabria, e presso i Centri per l’Impiego e loro Sedi Locali coordinate.


Il Centro per l’Impiego iscrive il disabile nello specifico elenco, gli consegna l’attestazione e lo inserisce o aggiorna la posizione nell’elenco. 

 

Domanda Offerta: gli utenti possono dare la propria disponibilità/candidatura alle offerte di lavoro pubblicate. In relazione alle richieste di personale delle aziende e alle candidature ricevute può essere svolta, su richiesta dell’Azienda, la preselezione dei candidati ritenuti più idonei i quali vengono segnalati  all’azienda che li contatterà per il colloquio relativo all’offerta di lavoro. Le aziende informano il Centro per l’Impiego dei risultati dei colloqui svolti richiedendo il necessario nulla osta per le eventuali assunzioni.

 

Gli Enti Pubblici e le Aziende possono presentare richiesta di assunzione numerica. In tal caso i Centri per l’Impiego predispongono “un bando per avviamento sui presenti” pubblicizzato sul portale del Lavoro della Città Metropolitana di Reggio Calabria, e presso i Centri per l’Impiego e loro Sedi Locali coordinate.

 

Il prospetto informativo

L'articolo 40, comma 4 del Decreto Legge 112/2008, come convertito dalla Legge 133/2008, ha introdotto l’obbligo di trasmissione esclusivamente per via telematica del Prospetto Informativo Aziendale, con il quale i datori di lavoro, pubblici e privati (che occupano un numero di dipendenti superiore a 15), secondo le disposizioni contenute nel Decreto interministeriale  2 novembre 2010, comunicano ai servizi competenti entro il 31 gennaio la loro situazione occupazionale, riferita al 31 dicembre dell'anno precedente, ai fini dei successivi adempimenti di legge.

Il Prospetto non deve essere inviato tutti gli anni ma solo qualora, rispetto all’ultimo invio, vi siano stati cambiamenti nella situazione occupazionale tali da modificare l’obbligo o da incidere sul computo della quota di riserva. 

Modalità di assunzione

L'articolo 6 del D.Lgs 14 settembre , n.151 prevede che "Ai fini dell'adempimento dell'obbligo previsto dall'art.3, i datori di lavoro privati e gli enti pubblici economici assumono i lavoratori mediante richiesta nominativa di avviamento agli uffici competenti o mediante la stipula delle convenzioni di cui all'art.11. La richiesta nominativa può essere preceduta dalla richiesta agli uffici competenti di effettuare la preselezione delle persone con disabilità iscritte nell'elenco di cui all'art.8 che che aderiscono alla specifica occasione di lavoro, sulla base delle qualifiche e secondo le modalità concordate dagli uffici con il datore di lavoro".

 

Convenzioni

Il datore di lavoro può stipulare convenzioni con gli uffici competenti, con le cooperative sociali o con disabili liberi professionisti.

Le convenzioni possono prevedere agevolazioni economiche, nonché facilitazioni consistenti in:

-      facoltà della scelta nominativa;

-      svolgimento di tirocini;

-      assunzione con contratto di lavoro a termine;

-      svolgimento di periodi di prova più ampi di quelli previsti dal contratto collettivo;

Le convenzioni possono essere stipulate anche con datori di lavoro che non rientrano nell’ambito di applicazione della l. n. 68/1999.

 

Sanzioni

Per le imprese private e gli enti pubblici economici che non adempiano agli obblighi sono previste apposite sanzioni amministrative.

Analoghe sanzioni sono previste nel caso di omesso invio del prospetto informativo.

Nel caso delle Pubbliche Amministrazioni, inoltre, si applicano ai responsabili delle inadempienze le sanzioni penali, amministrative e disciplinari previste dalle norme sul lavoro pubblico.

torna all'inizio del contenuto